Annunci gratuiti a Sassari

DETTAGLI
Inserzionista:  Privato
Sistemazione:  appartamento Prezzo per notte:  45
Numero massimo ospiti:  4 Servizi inclusi:  parcheggio/posto auto
Comune:  Valledoria
DESCRIZIONE
Appartamento Bilocale di 50mq posto al primo piano di due con terrazza per 4P
composto da:
- Ingresso con angolo cottura
- soggiorno con divano letto doppio;
- camera matrimoniale;
- bagno con box doccia;
- microonde;
- TV+decoder +dvd;
- lavatrice;
- aria condizionata;
- terrazza coperta attrezzata con divanetti;
- posto auto riservato
Piscina condominiale, area barbecue, vasca idromassaggio
Gli animali in questo appartamento sono ammessi di piccola taglia
I prezzi s'intendono ad appartamento a settimana

LOC. LA MUDDIZZA RESIDENZA “VALLEDORIA 2”

La Residenza “Valledoria 2”, del 2008, si trova in Loc. La Muddizza frazione di Valledoria.
A 800mt dalle spiagge della La Ciaccia e di Baia Verde
E’ composto da un complesso di 50 appartamenti di diverse tipologie distribuiti su tre livelli.
Gli appartamenti al piano terra sono con patio, gli appartamenti al 1° e al 2° piano con terrazze vivibili.
Al centro del complesso ci sono due grandi piscine per adulti e bambini, a disposizione di tutti i condomini.
Sul retro della residenza, verso il mare, c’è un grande spazio verde con giochi per bambini, vasca idromassaggio, zona barbecue.
Posti auto interni riservati.
Gli animali non sono ammessi salvo accordi diretti
I servizi sono raggiungibili a piedi a 200mt.
-supplemento culla euro 20,00 a permanenza (su richiesta);
-noleggio lenzuola ed asciugamani (telo doccia, viso, ospite e scendi doccia) euro 20,00 a persona a cambio;
-telo mare euro 5,00 a persona a cambio.
-N.B. Per le pulizie check-in e check-out e assistenza dovranno essere pagate in contanti euro 55 al referente sul posto il sig. Luigi inoltre sara' consegnata al sig. Luigi la cauzione di euro 150 che alla fine del soggiorno verra' restituita al cliente.
-Al momento della prenotazione al cliente verra' dato il numero del recapito del referente sul posto che dovrà essere contattato 30/45 minuti prima dell arrivo per evitare inutili attese. Grazie e buon soggiorno

LA ZONA

Le spiagge
Sul Golfo dell'Asinara, il comune di Valledoria vanta uno dei litorali costieri più belli della Sardegna. Tra il mare e le zone abitate si stende una meravigliosa sequenza di spiagge, come La Ciaccia o la spiaggia di San Pietro a Mare, dalla sabbia finissima, intervallate da folta macchia mediterranea.

Il mare
Il mare si distende limpido e di colore verde-acqua: estremamente varia e di straordinaria bellezza la flora e la fauna che i fondali gelosamente custodiscono e che è possibile ammirare immergendosi in queste acque cristalline.


Il fiume
Il tratto iniziale del fiume è molto suggestivo perché formato da una serie di anse sabbiose, circondate da folta vegetazione. In ogni stagione dell'anno è possibile ammirare le più varie specie di uccelli. Il pregio naturalistico di queste zone è stato riconosciuto anche a livello europeo con la costituzione di un parco denominato “Foce del Coghinas”. Il fiume è tutto percorribile in canoa.

Il paesaggio interno
Il paesaggio è caratterizzato da altopiani e tavolati, le cui fiancate scoscese offrono uno scenario di particolare bellezza. Alcune colline sono splendidi punti panoramici.

DA NON PERDERE

CANTINE Sella & Mosca
Nasce dall'incontro di due piemontesi, amanti dell'avventura e affascinati da questa terra incontaminata, l'ingegnere SELLA (nipote del famoso statista Quintino Sella) e l'avvocato MOSCA. Hanno dato origine nel 1899 alla compagnia che ha trasformato una terra da pascolo in fertili vigneti, dando inizio alla più prestigiosa produzione di vini in Sardegna. Dal 2002 è entrata a far parte del gruppo "Campari" con 550 ettari di vigneti e grande rispetto per la tradizione. Ampia gamma di vini es.." Terre Bianche " DOC , "Monteoro" DOCG, " Terrerare" DOC, "Cannonau" DOC, e i più celebri "Marchese di Villamarina" DOC, "Tanca Farrà" DOC, "Le Arenarie" DOC.

La visita delle Tenute Sella&Mosca, del museo e dell'enoteca è gratuita, si entra senza appuntamento ad orari stabiliti ultimo ingresso alle ore 17,00. Loc.


SACCARGIA
In mezzo alla pianura di Codrongianus circondata da monti di granitosi sorge la basilica in stile romanico pisano. La vista posteriore da sinistra mostra i resti, di quello che era il monastero dei frati Camaldolensi che eressero la basilica nel 1117. La costruzione è interamente realizzata in pietra locale basalto nero e calcare bianco. Curiosità, l’altezza del campanile è pari alla lunghezza della chiesa. L'interno è composto da una sola alta e stretta navata e da un corto transetto, suggestionante il silenzio, le sue penombre e la vista delle splendide capriate in legno perfettamente conservate dopo l'unico restauro subito dalla chiesa nel 1894. Nell'abside c’è l’unico elemento pittorico presente nella basilica: l'affresco è risalente al 1300 non è stato mai restaurato ed è ben conservato;, nei tre strati che lo compongono esalta l'elevazione dello spirito dell'uomo dalle cose terrene, rappresentate da scene della vita del Cristo poste in basso nel dipinto, attraverso la parola della Chiesa, rappresentata dai 12 Apostoli presenti nella fascia di mezzo, fino allo splendido Cielo di Serafini ed alla Beatitudine di Dio rappresentato giustamente da un'immagine della Trinità. E' aperta dal 01/04 al 31/10


TERME di Casteldoria
A 4Km da Valledoria subito dopo il paese Santa Maria del Coghinas, troviamo le Terme di Casteldoria. Sono delle sorgenti naturali, dette dagli abitanti del luogo “li caldani”, costituite da polle di acqua caldissima, che raggiungono i 70° e si fondono con il corso del fiume Coghinas. Il fiume scivola a valle scavandosi una conca tra il Monte Ruju e il Monte Ortigiu che nei secoli ha intagliato nella dura roccia una gola sublime e pittoresca.
L’impianto termale di Casteldoria è abbracciato dalla vegetazione di palme, olivi, pini secolari, corbezzoli ed eucalipti. E’ stato inaugurato a maggio 2010 ma effettivamente ha aperto solo a ottobre, vi potrete immergere nelle acque salsobromoiodiche del fiume, e fare i fanghi “miracolosi” per la pelle. L’antico complesso termale di inizio Novecento che era costituito da strutture in legno, ed aveva lo scopo di curare i reumatismi, è stato sostituito da un palazzo moderno ed elegante. A breve distanza si possono ammirare i ruderi del monastero di San Giovanni, di cui resta in buone condizioni soltanto la graziosa chiesetta romanico-pisana. Sembra che un tempo ci fosse un lebbrosario comunicante tramite una galleria sotterranea con i “caldani”.

Archeologia
Famosa è la roccia dell'elefante di Castelsardo - strada per Sedini che è il risultato della modellazione ad opera degli agenti atmosferici di un grosso frammento di roccia di origine vulcanica. Tale roccia è la risultante del distacco di un blocco dal versante della montagna soprastante. Il colore rossiccio è un'alterazione del colore nero che la roccia aveva in origine. La zona ospita alcune "domus de janas" dette anche case delle fate. La più importante è situata a Sedini all'interno della quale è stato allestito un museo. Questi cunicoli aperti nella roccia fungevano da rifugio per l'uomo preistorico (vissuto circa 100.000 anni fa). Sono stati infatti ritrovati molti reperti di utensili manuali e resti ossei.

Torri e castelli
Di chiara impronta genovese torri e castelli sono posti in cima alle colline o su splendidi promontori con valenza prettamente strategico-militare.
Il segno dei Doria è ben visibile nella fortificazione di Castelsardo, tra le più belle e meglio conservate della Sardegna, ma si rinviene anche nei ruderi del castello di Chiaramonti seppur ampiamente modificato dagli aragonesi.
Mentre le torri di avvistamento, come quella di Frigiano e quella dei Doria (comune di S.M. Coghinas), servivano esclusivamente a scopo difensivo, i castelli assunsero col tempo una funzione residenziale sempre più accentuata.

Parco dell'Asinara

Il parco
Il parco dell'Asinara è Parco Nazionale dal 1997.
Situata nella parte nord occidentale della Sardegna ha un'estensione di circa cinquemila ettari nella parte terrestre e oltre diecimila ettari per la parte marina. Ricade interamente nel territori del Comune di Porto Torres.
Il paesaggio si presenta estremamente diversificato con alte falesie scistose nella costa occidentale ed ampie insenature e piccole spiagge, tipiche della morfologia granitica a "rias", nella costa orientale. Per la sua posizione geografica, la varietà litologica e morfologica, presenta un grande interesse da un punto di vista biogeografico. La flora ha caratteristiche generalmente mediterranee; le specie endemiche che maggiormente la caratterizzano sono 29 e rappresentano circa il 5% della flora locale. Da un punto di vista faunistico l'Asinara è estremamente importante per la fauna stanziale e quella migratoria, infatti nell'isola si riproducono circa 80 specie selvatiche di vertebrati terrestri e tra queste molte rivestono grande rilevanza scientifica.
L'ambiente marino si presenta estremamente ricco da un punto di vista biologico e fortemente diversificato nei due versanti più importanti. Per riguarda l'ittiofauna e la cetofauna, l'area dell'isola è tra le più importanti del Mediterraneo, con la presenza di popolazioni di cernie brune, corvine, sgombri, stenelle e tursiopi.

Le immersioni
L'immersione subacquea è l'attività che più di ogni altra riesce a far apprezzare l'integrità di popolamenti e dei paesaggi sommersi dell'area marina protetta dell'Isola asinara e riesce a far vivere un contatto diretto con il mare e le sue specie più caratteristiche. Per offrire a tutti subacquei la possibilità di scegliere tra immersioni di diverso grado di difficoltà, per rendere più sicura l'immersione e per ricevere tutte le informazioni corrette sulle specie, sui popolamenti e sui regolamenti del parco, è necessario utilizzare il servizio offerto dai centri di immersione autorizzati del Parco.


I punti di immersione
I siti vengono proposti e condivisi attraverso un'azione sinergica tra il Parco e gli operatori stessi. Tutte le immersioni sono caratterizzate dalla presenza di una ricca ittiofauna: sono frequenti anche a bassa profondità e con notevoli dimensioni specie altrove ormai rare, come cernie brune, corvine, dentici e orate; all'Asinara non è necessario alimentare gli animali per poterli avvicinare anzi questo e rigorosamente vietato dal regolamento del Parco, per non modificare abitudini comportamentali dei pesci.


Sentieri subacquei consigliati
Sentiero di Punta Lunga
Sentiero di Punta Trabuccato
Sentiero di Punta Capone
Sentiero di Punta Sabina
Sentiero di Punta dei Corvi
Sentiero di Punta Grabara
Sentiero di P.sa Nave - I Candelieri
Sentiero di Punta Tumbarinu
Sentiero di Punta Agnadda
Sentiero di Punta Salippi

N:B. per chi volesse prenotare, entro il 31 marzo con pagamento anticipato ci sara uno sconto del 10 %.
Pubblicato il 18 Luglio
Invia a un amico
Segnala truffa
Bakeca Consiglia
  • Attiva un alert

    e ricevi gli ultimi annunci per:

Sassari:
Case vacanza - bed & breakfast

Premendo il pulsante di attivazione acconsenti all’invio di comunicazioni informative e promozionali e dichiari aver letto l’informativa sulla privacy accettandone integralmente il contenuto.